Protagoniste en travesti

articolo di Cristina Mangia e Patrizia Colella, Sapere, febbraio 2010, p.54

«Il lavoro intellettuale è lavoro del cervello, e il lavoro cerebrale porta di conseguenza il consumo di sostanza grigia, la quale richiede un’abbondante e giornaliera alimentazione riparatrice a cui l’organismo della donna non può adattarsi, perciò l’attività intellettuale si va mano a mano affievolendo».

Comincia così, con le parole tratte dalla relazione di A. Tamborrini del 1888 il convegno scientifico al centro dello spettacolo teatrale Gone with the …Science realizzato dagli studenti e dalle studentesse di tre scuole della Provincia di Lecce (2), nell’ambito del progetto «Rappresentarsi nella scienza: un laboratorio per la scienza futura» finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri -Dipartimento delle pari opportunità (Progetto IPO).

Sul palco, sede del convegno, scoppia una disputa tra uomini e donne, che manifestano l’irritazione per la tesi che nega loro capacità in campo scientifico. Come dimostrarne l’infondatezza? Semplice: rievocando la vita di alcune donne scienziate il cui lavoro è intrecciato con grandi temi della scienza e della tecnica.

Per prima Rosalind Franklin. Il suo nome non compare nei libri di biologia, ma il suo contributo si rivelò fondamentale per la scoperta della struttura del DNA….

Sito di Sapere

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *