Collaborazione con la Città metropolitana di Bologna, Area sviluppo sociale

Attività nata da un’interazione di Mariangela Ravaioli (ISMAR-CNR) e Mila D’Angelantonio (ISOF-CNR), promossa da Giorgio Lulli (IMM-CNR Bologna), con Francesca Baroni e Laura Venturi dell’Area Sviluppo sociale della Città metropolitana di Bologna, iniziata nei primi mesi del 2020 e sostenuta dalla nostra Associazione, in particolare dalla presidente Sveva Avveduto. Obiettivo generale della collaborazione è lo sviluppo di una prospettiva di genere nel quadro più generale della promozione della cultura tecnica e scientifica intesa sia come competenza generale di cittadinanza sia come elemento fondante delle competenze di base e tecnico-professionali da sviluppare nelle giovani generazioni, in vista di uno sviluppo economico, sociale e ambientale coerente con i principi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile … mediante:

  • La divulgazione degli esiti della ricerca scientifica, tecnica e sociale nei principali settori della conoscenza, valorizzando in particolare le esperienze realizzate da donne, presso studentesse e studenti per supportare la vocazione tecnica e scientifica della futura cittadinanza europea, per lo sviluppo scientifico, culturale, tecnologico, economico e sociale del Paese.
  • La creazione di valore tramite le conoscenze generate dalla ricerca sulle problematiche di genere soprattutto in ambito scientifico, perseguendo, con la sua promozione, la creazione di una nuova mentalità più inclusiva delle diversità e quindi delle risorse individuali.
  • L’apertura della programmazione didattica e della formazione tecnica scolastica, dei suoi fini e strumenti, ad una logica di integrazione e valorizzazione delle risorse delle persone e del territorio.
  • Testimonianze e racconti di genere
  • Fare Rete sul tema equità di genere con CNR, Universita, altre Associazioni, portatori l’interesse.

La collaborazione si sta realizzando attraverso:

  • l’informazione reciproca in merito alle attività svolte, anche autonomamente, dalle Parti negli ambiti di cui sopra;
  • il confronto, a fini consultivi, sui programmi di lavoro in capo ad ognuna delle Parti, con l’obiettivo, laddove possibile, di coordinare, integrare e moltiplicare/estendere gli interventi;
  • la progettazione e la realizzazione di iniziative congiunte e la partecipazione congiunta a progetti, anche di respiro internazionale
  • realizzazione di eventi

Il grande interesse della Città metropolitana, pervenutoci tramite Laura Venturi e Francesca Baroni, per l’attività di Donne e Scienza ci ha portate nel Comitato Scientifico del Festival della Cultura Tecnica, abbiamo partecipato alle ultime due edizioni (2020-2021) del Festival della Cultura tecnica e aderito a progetti per le scuole:

  • con gruppi di insegnanti delle secondarie di secondo grado, enti di formazione professionale aderenti alla rete “ECCO! Educazione Comunicazione e Cultura per le Pari Opportunità di Genere” della Città metropolitana di Bologna.
  • con insegnanti delle scuole primarie e ricercatrici/ori per l’Azione pilota “Agenda 2030 delle bambine e dei bambini”.
  • altre testimonianze richieste da portatori di interesse.